Licenza per allievo conducente a partire dai 17 anni

L'inizio della fase di formazione viene rimandato o interrotto più volte

Il Consigliere nazionale Andri Silberschmidt-Buhofer vuole incaricare il Consiglio federale di modificare l'ordinanza sull’ammissione alla circolazione (OAC) in modo che la fase di apprendimento di un anno non sia più obbligatoria.

Il consigliere nazionale del PLR Andri Silberschmidt-Buhofer giustifica la sua proposta come segue:

«Il 14 dicembre 2018 il Consiglio federale ha rivisto la normativa sulle licenze di condurre. I punti chiave di questa revisione, volta a ottimizzare le le licenze di condurre e la formazione alla guida, sono stati: a) la riduzione a un giorno del perfezionamento durante il periodo di prova; b) l'introduzione della possibilità di conseguire la licenza di condurre per i veicoli passeggeri (categoria B) a 17 anni; c) l'introduzione di una fase di apprendimento di un anno fino all'età di 20 anni.

I allievi conducenti non sfruttano la fase di apprendimento di un anno come sperato

Lo scopo della fase di apprendimento di un anno è quello di consentire ai neopatentati di acquisire maggiore esperienza pratica. L'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) ritiene che, per garantire la sicurezza stradale, si debbano percorrere circa 3'000 chilometri di esperienza di guida prima dell'esame. Tuttavia, l'esperienza pratica dimostra che i neopatentati non sfruttano la fase di apprendimento di un anno nella misura necessaria e auspicata. Al contrario, l'inizio della fase di apprendimento vera e propria viene rimandato e/o interrotto più volte.

Di conseguenza, la modifica apportata all'epoca non contribuisce a migliorare la sicurezza stradale. Tuttavia, crea disuguaglianze e discrimina la fascia di età compresa tra i 18 e i 20 anni, che deve aspettare un anno per sostenere l'esame. Questa disparità di trattamento non è giustificabile, anche in considerazione del mercato del lavoro, dove la patente di guida di categoria B è spesso un requisito indispensabile per ottenere un posto di lavoro, e non è nell'interesse dell'economia e delle piccole e medie imprese (PMI) in un momento in cui c'è carenza di lavoratori qualificati. Questo regolamento ha senso per i diciassettenni, che non sono ammessi all'esame prima del compimento del 18° anno di età. Dopo il 18° anno di età e fino ai 20 anni, invece, il regolamento non ha senso.»

Andere Spannende Beiträge

Come fanno i nostri paesi vicini?

Uno sguardo ai paesi vicini mostra che la formazione dei conducenti è regolamentata in modo più rigoroso che in Svizzera. Esistono anche requisiti obbligatori.

Mehr erfahren
Presentazione del nuovo direttore generale

Philippe Kurth ha assunto la carica di nuovo Direttore generale di L-drive Schweiz Suisse Svizzera il 15 marzo 2024.

Mehr erfahren
La tazzina di caffè diventa obbligatoria

E all'improvviso spunta la familiare tazzina di caffè. Da oltre dieci anni ricorda agli automobilisti di fare una pausa al massimo dopo due ore di guida. Tuttavia, i sistemi di avviso di sonnolenza di oggi sono molto più complessi dei loro predecessori. Da quest'anno i sistemi sono obbligatori per le nuove auto.

Mehr erfahren