Maestri conducenti

Professionisti anche in caso di handicap

L'autoscuola Koch di Regensdorf ha in repertorio di tutto, dalle moto ai camion. Il duo di gestori Koch/Schwendimann si è fatto un nome anche nella formazione di persone con disabilità.

In realtà, tutto funziona normalmente. Sul sedile posteriore della VW Caddy della scuola guida Koch, sembra di assistere a una normalissima lezione di guida. Milena Vulin guida l'auto con la consueta cautela dei neopatentati attraverso il quartiere e poi sulla strada principale. L'istruttore di guida Thomas Müri dà con calma e non troppo spesso qualche suggerimento e, se c'è tempo, fa qualche domanda sulla situazione del traffico.

Tuttavia, la pratica di guida non è affatto banale per Milena Vulin. Il suo braccio e la sua gamba destra sono menomati dalla nascita e per le manovre di guida il braccio destro è completamente fuori uso. Quindi fa tutto con il sinistro: I pedali del veicolo automatico sono regolati di conseguenza, lei dirige il Caddy tramite una sorta di joystick sul volante; i pulsanti per le luci, gli indicatori e i tergicristalli sono integrati in esso.

L'istruttore di guida Müri fa parte del team di venti persone della scuola guida Koch di Regensdorf. Una scuola guida con tradizione, fondata nel 1973 da Markus Koch. Dal 1995 è gestita dal figlio Mario Koch e, dalla fusione del 2010, da Markus Koch e Beat Schwendimann. Dal 2019 vengono formati anche autisti di camion, il che significa che Koch-Schwendimann può essere definita un'autoscuola a servizio completo.

La scuola guida per persone con disabilità

Koch è anche la scuola guida per persone con disabilità da ben otto anni. Una sfida speciale che Beat Schwendimann definisce «la mia vocazione». Il suo impegno si basa sulla convinzione che la mobilità, nei limiti del possibile, debba essere accessibile a tutti. Si sente dal lato felice della vita, dice Schwendimann, questa parte della scuola guida è il suo modo di «restituire qualcosa alla società». Il commercialismo, d'altra parte, non è l'obiettivo principale, dice.

Non è stata convertita un'utilitaria grigia, ma una Maserati. «Dovrebbe essere un raggio di speranza nel processo di riqualificazione, vogliamo dare gioia.» Nonostante gli elevati investimenti e i notevoli sforzi di consulenza, la riqualificazione con la Maserati ha lo stesso costo di una normale autoscuola. Guidare un'auto significa libertà e gioia di vivere allo stesso tempo. Senza il nostro generoso partner con tanto cuore, il progetto del cuore non sarebbe possibile.

La scuola guida per persone con disabilità non riguarda principalmente la tecnologia, ma le emozioni e la sofferenza umana. «È un compito gratificante, ma anche stressante.» Schwendimann si guarda indietro e dice che nei primi anni non aveva abbastanza «energia» per affrontare tutto questo.

«Contattateci. Sarete sorpresi di ciò che è possibile.» Queste frasi sulla homepage della scuola guida Koch sono importanti, pensa Beat Schwendimann. «Se non ci sono obiezioni dal punto di vista medico legale, quasi tutto è tecnicamente possibile.» In concreto: anche le persone paraplegiche possono guidare un'auto in modo sicuro. E si possono affrontare anche altre limitazioni. «I genitori di bambini con disabilità dovrebbero saperlo fin da subito che esiste una prospettiva per la loro prole in termini di mobilità.»

Fare più cose quotidiane in modo indipendente

Tuttavia, non è un gioco da ragazzi. Nemmeno per Milena Vulin, anche se riesce a fare tutto in macchina con la mano sinistra. Thomas Müri deve intervenire di tanto in tanto per ammonirla. L'allieva guida con difficoltà a mantenere la corsia dopo essersi guardata alle spalle. Guidare con una sola mano e tenere la rotta con precisione è difficile e richiede molta pratica. Tuttavia, la ragazza è di buon umore dopo la doppia lezione, che ha incluso la guida da una zona a 30 km/h all'autostrada. «No, non è stato troppo faticoso.» Per lei, la motivazione di ottenere la patente di guida è facilmente formulabile: «Voglio solo essere in grado di fare più cose quotidiane in modo indipendente.»

Formazione alla guida ed inclusione

Inclusione - le persone con disabilità non solo sono incluse nella società, ma anche l'ambiente deve essere adattato alle loro esigenze - anche nella formazione alla guida.

Andere Spannende Beiträge

Addio ufficiale a Hans-Jürg Leuenberger

In occasione dell'assemblea dei delegati di L-drive Svizzera tenutasi  a Berna, Hans-Jürg Leuenberger è stato premiato per i suoi grandi servizi. In 46 anni di attività come maestro conducente, Leuenberger ha lasciato un segno impressionante nel campo della formazione dei conducenti.

Mehr erfahren
L'OFV si congeda da Felix Hangartner

Felix Hangartner si è congedato in occasione dell'assemblea generale dell'Associazione degli istruttori di guida della Svizzera orientale (OFV).

Mehr erfahren
Trasferimento di personale e cambio di nome nel Cantone di Berna

Nino Martone subentra a Markus Hess nella presidenza di L-drive Kanton Bern. Dopo 8 anni alla guida dell'ex KBAV, Markus Hess è stato nominato membro onorario.

Mehr erfahren